Seguimi

Media Buying: quanto farsi pagare dai clienti

Sempre più persone al giorno d’oggi si approcciano al Media Buying lavorando, appunto, come Media Buyer o aprendo la propria agency.
Se sei curioso di capire quanto dovrebbe farsi pagare un Media Buyer allora sei nel posto giusto.
Con questo articolo voglio darti degli spunti importanti su cui riflettere. Sono consigli nati da errori che ho commesso nel passato e che, ad oggi, mi hanno portato ad essere il Media Buyer che sono.
Puoi continuare la lettura oppure, se sei più comodo, guarda il video che ho registrato.

Quanto dovrebbe farsi pagare un Media Buyer: 3 aspetti da considerare

Capire quanto dovrebbe farsi pagare un Media Buyer a volte potrebbe essere complicato perché non si hanno ben chiare certe dinamiche e certi parametri.

Tuttavia è una tematica sempre più cercata perché, ad oggi, sono moltissime le persone che vogliono aprire la propria agency.

Il Media Buyer è un professionista che si occupa della gestione degli spazi pubblicitari utilizzando i mezzi di comunicazione. Uno dei suoi compiti principali riguarda appunto la gestione delle attività di Media Buying, ma il suo lavoro non finisce qui. In questo articolo voglio condividerti alcuni aspetti che forse non conosci e che sono sicuro ti saranno davvero utili per capire quanto farti pagare dai tuoi clienti se sei un Media Buyer o se hai una tua agency.

 

 

1. Media Buying: quanto vale il tuo tempo?

Se vuoi fare un ottimo lavoro di Media Buying è molto importante che tu comprenda quanto vale realmente il tuo tempo.
Questa è una delle primissime cose a cui devi pensare.

Voglio farti un semplice esempio: se sei uno studente all’inizio della tua carriera chiedere 300 euro potrebbe sembrarti una somma considerevole. Tuttavia non è la stessa cosa per un Media Buyer con molti anni di esperienza alle spalle perché quei 300 euro sembreranno irrisori in confronto alle competenze che possiede.
La prima cosa che ti invito a fare, quindi, è una personale riflessione sul tuo percorso formativo e sulle competenze acquisite fino ad oggi. Ci sono due aspetti fondamentali legati al tempo e al Media Buying che devi considerare.

Numero dei clienti

Il primo riguarda il numero di clienti. Se sei in fase di avviamento, e stai partendo da solo, potrai seguire un numero limitato di persone.
Mi raccomando evita il classico errore ” tanta quantità/poca qualità”; purtroppo ciò succede spesso perché si sbaglia a calibrare il valore del proprio tempo. Il rischio è quello di non riuscire ad avere il giusto focus ritrovandosi con tantissimi clienti da gestire e ripiegando, purtroppo, su contenuti di scarsa qualità dettati dalla fretta.
È fondamentale che tu capisca quanti clienti sei disposto a seguire. Che siano dieci, due o solo uno la cosa importante è che tu lo sappia. Avrai settato così il primo importante parametro.

Compenso

Per capire quanto vale il tuo tempo da Media Buyer devi comprendere che quel numero di clienti che puoi seguire devono corrispondere ad un compenso.
Se tu oggi avessi solo un’ora disponibile e dovessi fare un lavoro per un cliente, quanto varrebbe per te? Quanto ti costa rinunciare a quell’ora che magari avresti destinato per la formazione, per un hobby o per stare con le persone a te care? Non è facile dare una risposta generale perché tutto ciò è molto soggettivo, ma devi cercare di quantificarla perché quando saprai ciò capirai anche quanti sono realmente i clienti che dovrai seguire per raggiungere il tuo obbiettivo.

Media Buying

2. Media Buying e le esperienze

Il secondo parametro per capire quanto deve farsi pagare un Media Buyer è legato all’esperienza.
Ora devi essere sincero con te stesso e verso i tuoi clienti.
Ci sono persone veramente competenti che hanno fatto parte di prestigiosi Mistermind e che si evolvono e si formano costantemente. Tuttavia esistono anche molte persone che cercano di farsi vedere ai tuoi occhi come i migliori in assoluto nel proprio settore però poi, quando si va a vedere il ventaglio di clienti trattati, i risultati ottenuti, l’esperienza fatta, la formazione, le competenze e molte altre cose, ci si rende conto che forse non è così.
Se ti sei da poco approcciato a questo mondo ricordati di essere umile e trasparente con i tuoi clienti.
Dire al proprio cliente che non sei ancora competente come vorresti, ma sei pronto a metterti in gioco e dare il massimo non è un segno di debolezza, ma al contrario ti lusinga.  Se sarai onesto e trasparente eviterai l’errore di crearti una figura agli occhi del tuo cliente che alla fine non riesci a rappresentare.
Hai appena compreso che per individuare quanto deve farsi pagare un Media Buyer è importante capire il valore del tuo tempo, quanti clienti vuoi e qual è il tuo livello di competenze e il tuo valore vero all’interno di un mercato. Ora che hai compreso tutto ciò voglio parlarti del prossimo aspetto che devi assolutamente conoscere.

3. Lavoro da fare

Il terzo aspetto da considerare è legato alla tipologia di lavoro che devi andare a fare.

Molto spesso tantissime persone cadono nell’errore di acquisire subito tanti clienti o troppo pochi senza definire effettivamente quale sia il lavoro da fare.
Dire, ad esempio, “Gestirò le Facebook Ads e le Instagram Ads” è molto abbozzato come principio perché oggi potresti dover lavorare su un funnel, mentre nei mesi successivi aver a che fare anche con un e-commerce, un webinar o altro non preventivato, trovandoti ad accettare un lavoro che inizialmente va benissimo, ma successivamente potresti trovarti a fare il triplo del lavoro rispetto al prezzo pattuito inizialmente.
Ovviamente nulla ti vieta in questo caso di rinegoziare con il tuo cliente spiegandogli che nel corso della collaborazione alcune dinamiche sono cambiate. Tuttavia per evitare ciò metti già in preventivo al momento della trattativa che il lavoro che andrai a fare quasi sicuramente non sarà solo quello pattuito.

Quanto guadagna un Media Buyer

Quanto guadagna un Media Buyer?

I tre spunti sopra elencati ti danno una chiara visione per definire in maniera responsabile la parcella da chiedere al tuo futuro cliente, ma quanto guadagna quindi un Media Buyer?
Come già sai la figura del Media Buyer richiede moltissime competenze oltre ad essere in continuo aggiornamento.
Tra quelle più richieste egli deve conoscere bene i Social, il marketing e saper analizzare le metriche.
Inoltre deve comprendere quali spazi pubblicitari acquistare, come creare delle grafiche e dei copy accattivanti che convertano. Ma non solo. Redarre una strategia è una delle cose fondamentali che deve saper fare.
Maggiori saranno le competenze e i risultati ottenuti negli anni e maggiore sarà la parcella che potrà chiedere.
Ma parliamo di numeri. In America un Media Buyer qualificato e che rispecchia tutte le competenze sopra elencate può arrivare a chiedere oltre 3000 dollari al mese a cliente. Ovviamente solo se sarà in grado di portare risultati significativi.

Ora che hai capito quanto guadagna un Media Buyer e quali sono i parametri fondamentali, non ti resta che metterti subito a lavoro per formulare un corretto preventivo al tuo prossimo cliente.

Ciao, sono Ale Lorenzi e mi occupo di Media Buying. Sono un professionista che supporta il cliente nella gestione delle azioni di digital marketing.

Privacy Policy.  |  Cookie Policy

Alessandro Lorenzi | Via Cadore 11 31020 San Vendemiano (TV) | P.IVA: 04822620268

© Ale Lorenzi.

Powered by Gabriele Pantaleo.